Mosajco

Villa Fiorentino Sorrento sede della Fondazione Sorrento

Fondazione Sorrento

Ercolano

Cosi' come Pompei, anche questo importante centro fu seppellito dalla eruzione del Vesuvio del 79 d.C., ma a differenza della prima (che fu sommersa da cenere e lapilli) Ercolano fu letteralmente inondata da un fiume di fango che devasto' molte strade ed edifici, ma ha consentito la perfetta conservazione di mobili e suppellettili. Chi desidera maturare una conoscenza sufficientemente completa sull’ immenso patrimonio archeologico recuperato nella provincia di Napoli grazie agli scavi che hanno visto interessate diverse città vesuviane non può trascurare l’ esigenza di effettuare una visita ad Ercolano. Così come Pompei, infatti, anche Ercolano fu seppellita dalla celebre eruzione del Vesuvio del 79 dopo Cristo, ma a differenza della prima (che fu sommersa da cenere e lapilli) essa fu letteralmente inondata da un fiume di fango che finì con il devastare strade ed edifici della città. Ciò, però, non ha impedito di effettuare importantissimi ritrovamenti. La diversità dei fenomeni che hanno riguardato le due città ha fatto sì che, con il passare dei secoli, esse andassero incontro ad un diverso destino.
I detriti fangosi che hanno travolto Ercolano, infatti, hanno provocato ingenti danni alle strutture dell’ abitato (cosa che, invece, a Pompei, non si è verificata), ma – al tempo stesso – hanno risparmiato materiali come il legno che, viceversa, hanno trovato, proprio nel fango essiccato, le condizioni ideali per poter mantenere ottimi stati di conservazione. E’ questa la ragione per la quale gli scavi che hanno riguardato Ercolano (iniziati per volontà di Carlo di Borbone nel 1738) hanno consentito di recuperare una grande quantità di mobili (soprattutto nella Casa del Mobilio Carbonizzato) e suppellettili, consentendo, tra l’ altro, il ritrovamento di circa duemila papiri (prevalentemente di soggetto filosofico) nel complesso monumentale che, per l’ appunto, è stato ribattezzato Villa dei Papiri. Oltre a quest’ ultima, tra le costruzioni da visitare, figurano anche: il Teatro, la Basilica, le Terme del Foro, la Casa di Nettuno e Anfitrite, (caratterizzata dalla presenza di splendide decorazioni mosaicate), la Casa dell’ Atrio a mosaico, la Casa d’ Argo, la Casa del Bel Cortile, la Casa dei Cervi (che prende il nome dalla la presenza di due gruppi scultorei molto plastici che raffigurano, per l’ appunto, dei cervi), la Casa della Gemma, la Palestra grande, la Casa del Rilievo di Telefo, la Casa del Tramezzo di legno, la Casa a Graticcio, la Casa del Bicentenario (chiamata così perché venuta alla luce, nel 1938, due secoli dopo l’ inizio delle attività di scavo che hanno visto interessata Ercolano), la Casa Sannitica.

 


i dintorni
Museo Mineralogico Vico Equense

Dal 1992, minerali, meteoriti, fossili preistorici, gemme e perfino uova di... continua

Pompei

L’ immensa distesa di stupendi ruderi che si possono ammirare a Pompe... continua

Positano

Ideale per trascorrere vacanze di ogni genere, Positano - a dispetto delle ... continua

Ravello

Tra le perle di una delle piu' ridenti localita' della Costiera Amalfitana,... continua

Amalfi

La ridente cittadina costiera, non solo conserva intatte molte bellezze sto... continua

Vietri sul Mare

Oltre che per la bellezza delle sue spiagge e della vegetazione che la circ... continua

Capri

Stupenda, affascinante, sensuale ed ammiccante. Non è una donna. E&r... continua

Reggia di Caserta

Capace di competere per bellezza e dimensioni con la Reggia di Versailles, ... continua

Il Vesuvio

Una escursione sul magnifico vulcano puo' riservare varie opportunita'; com... continua

Un insolito tour

A dispetto delle apparenze, si possono ancora visitare bocche vulcaniche at... continua

Visita la gallery

 

Per ricevere periodicamente aggiornamenti, notizie ed offerte, iscriviti alla nostra newsletter!

ISCRIVITI

Salvatore Orlando - Napoli - 23/07/2017
Una bellezza tutta italiana, partenopea, mondiale. Sophia! Suggestiva ed emozionante la ... Continua »

Leggi le opinioni dei nostri clienti »


visit www.webpinknetwork.it Fondazione Sorrento Sede operativa: Corso Italia, 53 - Sorrento - 80067 - Italia P.IVA / Cod.Fiscale: 05574541214
Tel.: 081 8782284 - E-mail: info@fondazionesorrento.com

Powered by Mosajco CMS